This website is best viewed in minimum 1210px X 520px

Il mistero della corona

A volte, i particolari più interessanti ci sfuggono, anche dopo un attento e protratto esame. In effetti, hai mai notato che i faraoni non vengono mai rappresentati con i capelli? Non in un’unica statua, scultura o dipinto. Prestando attenzione, ci si rende conto che sono sempre rappresentati con una speciale corona o copricapo, aventi, ciascuno, una funzione specifica, come la corona Chepresj indossata in tempo di guerra e la corona Nemes indossata in punto di morte, che indicava la fine della vita terrena del Faraone. La corona probabilmente più conosciuta è del secondo tipo, la corona a strisce blu Nemes indossata da Re Tutankhamon.

Certo, si può sostenere che essendo re, i faraoni portavano una corona, e concludere così il discorso. Sicuramente questa è una considerazione valida, poiché queste corone erano in realtà un simbolo della divinità, che distingueva l'uomo dal Faraone. Ma il motivo per cui questo "mistero" è tale risiede nel fatto che non è mai stata recuperata alcuna corona da nessuna camera funeraria, comprese quelle del Faraone, cui nessun predatore avrebbe potuto accedere prima che fossero scoperte. In tutta la sua storia suggestiva, la nostra immagine dei governanti di queste antiche terre sembra davvero più metaforica che reale.

Gli antichi egizi avevano forti pratiche igieniche e mediche, e quindi i capelli fuori posto erano considerati un qualcosa di sregolato e sconveniente, soprattutto tenendo conto del fatto che i capelli attiravano acari e pidocchi, tutti portatori di malattie. I ragazzi, ad esempio, si rasavano fino all’adolescenza, fatta eccezione per un’unica treccia.

Anche se una spiegazione logica al perché noi non abbiamo mai visto le chiome dei regnanti dell'Antico Egitto può essere plausibile, a un esame più attento non è chiaro come in realtà questi re e regine apparissero davanti al pubblico e si presentassero nella vita di tutti i giorni, oppure perché queste corone presenti in molte raffigurazioni non siano mai state trovate da nessuna parte; un altro mistero faraonico.