This website is best viewed in minimum 1210px X 520px

E’ qualcosa di bello

La cerimonia di premiazione del Concorso - Una foto dell'Egitto - (è qualcosa di bello) si terrà lunedì 11 settembre. Il concorso è indetto dal Centro di creazione di formazione e modernizzazione egiziano, è sponsorizzato da Nikon International e patrocinato da:

Ministero dello Sport e della Gioventù, Autorità Generale egiziana per lo Sviluppo del Turismo e Autorità Generale ai Monumenti Culturali, nonché Menirva Tours Co.

La speciale giuria del concorso si è riunita il 7 settembre 2017 e ha visto la partecipazione di: il sig. Hossam Diab, Mostafa El Shershaby, il sig. Galal Al Mesry, Mohamed Ismaeel, la signora Shaimaa Al Sebaee, il sig. Tamer Youssef e il sig. Ashraf Sobhy in rappresentanza della Nikon.

Conformemente alle condizioni di partecipazione stabilite dal Centro di creazione egiziano, tra i 628 partecipanti sono stati selezionati 354 concorrenti, che hanno presentato 1364 fotografie.

I premi in palio per il concorso di quest’anno sono stati decisi come segue:

Premi ai primi tre classificati (1 °, 2 ° e 3 °)

I premio alla creatività del Centro di creazione egiziano ai tre concorrenti, il premio speciale della giuria, il premio Mostafa El Shershaby e i premi Menirva Tours a cinque concorrenti.

La cerimonia di premiazione onorerà anche un certo numero di personalità egiziane che hanno colto e rappresentato la bellezza dell’Egitto, tra cui:

l’affermato regista Ali Badrakhan, il direttore della fotografia Ramses Marzouk, il presentatore Tamer Amin, il musicista e compositore Amr Mostafa, il poeta Tamer Hussein, l’uomo d'affari Mohamed Manzour e altri.

Prima della cerimonia, le fotografie selezionate dal Centro di creazione egiziano saranno esibite quali esempi dell’essenza del concorso (Una foto dell’Egitto 2017).

Sono state accuratamente selezionate le fotografie che sono riuscite a cogliere la bellezza dell'Egitto, per mostrare come l’Egitto sia espressione di bellezza in varie circostanze e modi e quindi ... qualcosa di bello (fiha haga helwa).