Alamein, la città monumento

Aggiunto il lug 19, 2018

Questa città è una delle più belle del mondo, si trova a soli 104 km a ovest di Alessandria e 184 km a est della città di Marsa Matrouh, così in poche ore si può visitare e godere della sabbia bianca e acqua splendente: un’attrazione irresistibile.

Una battaglia decisiva tra le forze alleate guidate da Montgomery e le forze dell'Asse guidate da Rommel cambiò il destino della seconda guerra mondiale e la battaglia si concluse con la vittoria degli alleati.

È possibile approfondire i dettagli della battaglia visitando il Museo militare di Alamein, che descrive la battaglia di Alamein, dove si può vedere una collezione di armi, carri armati e munizioni in dotazione alle truppe della seconda guerra mondiale e creare mappe di battaglia.

Ad Al-Alamein, potete partecipare alle celebrazioni annuali che si tengono nell’ottobre di ogni anno vicino alle tombe delle vittime della seconda guerra mondiale, situate a sud della strada asfaltata.

A 3 km a ovest di Al-Alamein, si può visitare il cimitero tedesco, il quale è stato costruito nel 1959 e si affaccia sul mare direttamente da una montagna abbastanza alta, dove riposano le spoglie di 4.480 persone. Il monumento tedesco ai caduti è una struttura simile a una fortezza con un obelisco centrale, costruita su una fossa comune.

In termini di lusso e architettura, il cimitero italiano, a 5 km a ovest di Al-Alamein, è considerato il più bel cimitero. Il sacrario di guerra italiano è una torre all'interno della quale sono incisi i nomi dei defunti.

Comprende una cappella, una moschea, una sala commemorativa, un piccolo museo e le tombe. Davanti agli occhi vi è una lapide che ricorda che il deserto ha inghiottito ancora più corpi.

Nel luogo in cui una battaglia decisiva ebbe luogo ad Al-Alamein, il cimitero di Wadi Halafawi presenta altri ricordi della seconda guerra mondiale.